Sonata Stonata: bouquet poetico


Performance di Yara Li Mennel e Natalie Peters, Performance Reihe Neu-Oerlikon, agosto 2022


27 Agosto 2022 13. PERFORMANCE REIHE NEU-OERLIKON 2022

Move and Continue – Verzerrung in Zeiten der Dissonanz testo di Natalie Peters crediti foto: Markus Goessi Io e Yara siamo nascoste dietro la parete di fondo di un riparo per biciclette e guardiamo verso il campo da basket. Sentiamo il pubblico che si raduna davanti alla, ma non vediamo le persone. Ancora invisibile al pubblico, lancio una pietra grande come una testa in avanti oltre in nascondiglio. I giovani e i bambini nel campo da basket rimangono brevemente stupiti, ma per il resto non mostrano alcuna reazione. Lancio una seconda pietra. Altrettanto grande, – il riverbero dell'impatto riempie il cemento. Corro dietro alle pietre, pensando brevemente allo stalker di Tarkovskij. Trovare la direzione arrendendosi alle circostanze.... Un'altra pietra. Questa volta contro il muro. Ora, al terzo lancio, sento il suo peso e sento gli occhi del pubblico su di me. Yara non è ancora visibile. Davanti a me ci sono il microfono e un tavolo pieghevole. Su di esso: un annaffiatoio, un vaso di vetro per fiori e una boccia per pesci rossi. C'è un po' d'acqua in tutti i recipienti. Sono presenti anche due tubi flessibili. Uno trasparente e uno verde. Prendo il tubo trasparente e inizio a cantarci dentro. Attraverso il tubo canto verso lo spazio, le persone, le pareti. Sento l'acustica speciale dello spazio, l'eco della mia voce dentro di me e tra il cemento.

Sento i movimenti, le voci, l'energia dei giovani sul campo da basket. Forte, presente, giocoso. La palla rimbalza ripetutamente contro le sbarre. Rumorosamente. Lancio la grossa pietra che si trova nella rimessa per le biciclette contro il muro. È ancora più forte. E di nuovo la palla rimbalza contro la grata. Mando la mia voce attraverso il tubo verso l'intonazione, poi canto nella tasca dei pantaloni. Indosso pantaloni da lavoro bianchi e neri, sotto una camicia con maniche e colletto barocchi. Classico. Lascio cadere il tubo e canto una nota classica. In quel momento vedo Yara. Con indosso una tuta da lavoro arancione, rotola lentamente verso la panchina. Indossa un casco. Ad un piede un pattino a rotelle, all'altro uno stivale di gomma bianca. Anche il casco è bianco.

Si muove lentamente, con delicatezza, come in un sogno, ma è molto precisa. Ogni suo movimento crea una nuova immagine aliena nella sobria e spoglia atmosfera della rimessa. Continuo a cantare. Note lunghe e piene, prima più silenziose, poi più forti e più alte. Ecco: i ragazzi del campo rispondono al mio canto con le loro voci. Un ululato. Divento più ritmica. I ragazzi seguono e rispondono perfettamente a tempo. Yara porta questo dialogo nel suo corpo e con grande concentrazione fa da contrappeso energetico a questa dinamica ribollente. Metto giù il tubo. Vado al microfono. Sussurro, respiro, sibilo. L'amplificatore porta ora la voce all'esterno. L'eco dal campo tace. Ma tra una frase e l'altra lascio il tempo di sentire i giovani che si muovono dietro di me, gli aerei che si muovono nel cielo, le voci che attraversano la piazza. Tutti i suoni di una città che non posso sperimentare nella mia vita quotidiana, ma che ora mi circondano in modo ancora più vivido e intenso.


Yara ora mi risponde anche con un piccolo fischio, le note sono quasi trasparenti e mi accompagnano leggere come una piuma. È completamente in sintonia con il suo movimento. Ancora e ancora iniziamo nello stesso momento, come se stessimo respirando insieme. Lentamente aumento di nuovo il volume e mi allontano dal microfono. Lasciare che la voce risuoni di nuovo liberamente. C'è di nuovo un coro dal campo, come se lo stessero aspettando. Il pubblico ride. Ci stupisce la quantità di spazio acustico a nostra disposizione. Quanto è animato e sensibile il nostro ambiente sonoro. Semplicemente umano.


Questa volta sfido i ragazzi. Canto una nota lunga lunga. Lo tengo e lo tengo e lo tengo. Le loro voci, che si uniscono all'inizio, si abbassano lentamente. Tengo la nota ancora più a lungo. Per un po' di tempo, poi divento più silenziosa. Yara è sul pavimento accanto al suo violino. Un nuovo elemento sonoro. Suona, graffia, fa scattare l'archetto per far tornare la musica davanti al locale. Ora prendo l'annaffiatoio e verso al pavimento dell’acqua per scrivere due parole in tedesco: Du e DA. Poi prendo il boccale per i pesci rossi. Ci sussurro, ci canto, ci parlo dentro. Un momento intenso e raffinato. Un pallone rotola nel fossato. E riparte di propria iniziativa. Mi chiedo perché, il terreno sembra avere una pendenza.

Lancio un'altra grossa pietra contro il muro. E un'altra, poi mi allontano lentamente.

Yara rimane ancora. Con i suoi movimenti setosi sul cemento grezzo. Dopo due minuti, anche lei è tornata in dietro al riparo per biciclette. Guardiamo i bambini, che ora ci osservano con maggiore curiosità. Ridiamo di loro e gli diamo il pollice in su.

L'applauso ci chiama in causa.

4 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti