top of page

dom 16 apr

|

Locarno

Rohrer/Wassermann (CH/DE) – Sara Käser/Natalie Peters (CH) // Doppio concerto

Voice and Strings – 2 Duo 2 Mondi. Voce e strumento a corda è una delle combinazioni più antiche e classiche della musica. In questo doppio concerto, potrete sperimentare due duo che esplorano audacemente il potenziale sonoro degli archi e delle corde vocali in modi nuovi.

Rohrer/Wassermann (CH/DE) – Sara Käser/Natalie Peters (CH) // Doppio concerto
Rohrer/Wassermann (CH/DE) – Sara Käser/Natalie Peters (CH) // Doppio concerto

Orario e luogo

16 apr, 17:30

Locarno, Piazza G. Pedrazzini 12, 6600 Locarno, Switzerland

Descrizione

Rohrer / Wassermann (Grigioni, CH/DE) 

Thomas Rohrer (rabeca)

Ute Wassermann (voce, oggetti, elettronica) 

Il duo trasforma tessuti sonori in filigrana di sassofono soprano, voce, fischi di uccelli e oggetti in eruzioni rumorose. Le sorprese acustiche sono garantite!

Sara Käser / Natalie Peters (Lucerna/Ticino, CH) 

Sara Käser (violoncello)

Natalie Peters (voce) 

Come risuona, quando ascoltiamo il nostro mondo interiore e risuoniamo con il suono della vita e creiamo musica che nella sua forma può svilupparsi liberamente?

Da oltre 6 anni Natalie Peters e Sara Käser si pongono queste domande nel loro modo di suonare. La loro musica può essere descritta come intransigente, non adattata e idiosincratica, ma anche come ricerca del miracoloso. I loro tessuti sonori sono fragili, ma sempre collegati a un respiro interiore che trasporta e sviluppa la natura effimera della loro musica.

–––––––––––––––––––––––––––––––––––––

Natalie Peters

Natalie Peters è una cantante con focus sulla musica improvvisata. Inoltre lavora in ambiti interdisciplinari nell’area del teatro e della poesia. Nata ad Heidelberg nel 1976 è cresciuta nel sud della Germania. Ha iniziato la sua carriera quale attrice di teatro e di cinema sperimentale, stabilendosi a Berlino nel 1998, dove è entrata in contatto per la prima volta con la musica improvvisata, che è poi divenuta la principale ispirazione per il suo lavoro. Da allora ha iniziato a sviluppare spettacoli con diversi musicisti, dapprima usando propri scritti, ma accorgendosi poi dell’enorme potenziale che possiede la voce umana, plasmando la propria in modo molto personale. Lavorare con il proprio corpo è da sempre stato l’elemento fondamentale per approcciarsi ad un uso fresco e creativo della propria voce, trasformata a tutti gli effetti in strumento musicale, superando qualsiasi barriera stilistica. Nel 2014 si è diplomata ad Heidelberg all’Istituto Feldenkreis, con la tesi “Scopri la voce – un percorso verso la musica improvvisata”. Oltre a corsi Feldenkreis, Natalie Peters conduce a Locarno il proprio gruppo vocale “Diving with the divas”, indagando come l’espressione musicale spontanea possa trasformarsi in improvvisazioni particolarmente creative e consapevoli. Per un lungo periodo ha collaborato intensamente nel duo “One More” con Guy Bettini, ospitando musicisti del calibro di Barre Philips, Gerry Hemingway, Urs Leimgruber, Michel Doneda, Fabio Martini, Achille Succi e con i ballerini Gyohai Zaitsu e Flavia Ghisalberti. Dal 2004 Natalie vive a Locarno e lavora nel suo atelier Panelle 10, uno spazio aperto per musicisti, attori e altri artisti. Attualmente si esibisce in solo, in duo con la violoncellista Sara Käser appunto e con l’Ensemble Sous-sol, di cui da poco è direttrice artistica. Nel 2021 ha creato l’associazione Carovana091 e cura ed organizza la rassegna FREQUENZE LIBERE.

https://www.nataliepeters.ch/

https://www.carovana091.ch/

Sara Käser Nata nel 1987, vive come violoncellista freelance e insegnante di musica a Dallenwil. È sia improvvisatrice che performer, con particolare attenzione al pubblico contemporaneo e alla musica sperimentale e lavora con vari artisti, ensemble e band quali Stimmenfeuer, Ensemble der Dinge (teatro), Natalie Peters (duo con voce), Ensemble Nachhall, Ensemble Sargo (nuova musica), K-M-S-A, Trio Hel, City Light Symphony Orchestra, Balduin Hirschteins Hypervitaminosis e quartetto di violoncelli Arabesque. Inoltre fa parte dell’ensemble internazionale “Building Bridges” sotto la direzione di Gauvar Mazumdar, che promuove la comprensione interculturale attraverso la musica. I suoi studi in interpretazione nella musica contemporanea, nella musica da camera e nella pedagogia musicale l’hanno portata alla Hochsule für Musik di Lucerna con docenti i violoncellisti Peter Leisegang ed Erik Borgir. Ha completato ulteriori corsi di perfezionamento con L. Fels (Arditti Quartet), W.S Yang, H. Lindén-Pons, Guarneri Trio Prague e John Storgård in Finlandia. Oltre all’attività di violoncellista è attiva in produzioni transdisciplinari nel campo della danza, della letteratura e del teatro (il duo Käser&Lerch-Music & Text). Artista Pro Argovia nel 2017 e 2018, con il nome Saracello è libera professionista dal 2019 e ha ricevuto un contributo di ricerca dal Board of Trustees argoviese sullo sviluppo della performance “Bambius” nel 2021. Alla ricerca di ampie possibilità espressive del suo strumento, è interessata a vari aspetti del potere della musica come il suo effetto curativo e trasformativo e la possibilità di fusione attraverso i confini e i generi artistici. 

https://saracello.ch

–––––––––––––––––––––––––––––––––––––

Thomas Rohrer è di Basilea e ha suonato come primo strumneto il violino.

Successivamente ha studiato sassofono alla Musikhoschule di Lucerna. Dal 1995 vive a San Paolo, in Brasile, dove ha conosciuto anche la rabeca, una sorta di variante brasiliana del nostro violino, suonata soprattutto nella musica tradizionale brasiliana. Il suo lavoro con il sassofono e la rabeca si trova principalmente nella musica improvvisata, ma anche nel contesto della musica tradizionale brasiliana. Suona nel collettivo di improvvisazione brasiliano Abaetetuba, con Saadet Türköz e in trio con il percussionista Antonio Panda Gianfratti e Hans Koch. Collaborazioni con Michael Vorfeld , Philip Somervell, Terry Day, Phil Minton, Celio Barros. Rohrer è coinvolto in vari progetti del cornettista americano Rob Mazurek (Black Cube SP). Nel 2018 è stato pubblicato il CD "Tradiçao Improvisada", che documenta la sua lunga collaborazione con il musicista e liutaio Nelson da Rabeca. Diverse opere in dialogo con la danza, il teatro, il video e la performance art.

https://abaetetubacollective.wordpress.com/thomas-rohrer/

https://radiocorax.de/die-brasilianische-geige-rabeca/

Ute Wassermann è un'artista vocale, compositrice-performer e improvvisatrice. La sua voce è uno strumento sonoro polifonico ed estremo, che lei espande anche con fischi di uccelli, oggetti di risonanza e altoparlanti, registrazioni sul campo e diffusione multicanale. Il suo lavoro si muove nell'ambito dell'improvvisazione, della composizione e dell'arte performativa. Come solista vocale nel campo della musica sperimentale, si è esibita in festival internazionali in Europa, Australia, Messico, Brasile, Asia e Stati Uniti. Si esibisce regolarmente con noti musicisti di improvvisazione come Jaap Blonk, Raed Yassin, Andrea Parkins, Isabelle Duthoit, Magda Mayas, Michael Zerang, John Russel e molti altri.

È membro di gruppi stabili come il duo con Joke Lanz, Speak Easy (con Phil Minton, Thomas Lehn, Martin Blume),

radio tweets (con Birgit Ulher), Asfourieh (con Mazen Kerbaj), MUT (Thomas Rohrer, Michael Vorfeld) o PRAED Orchestra. Ute Wassermann ha scritto numerose opere per lei.

https://utewassermann.com/

Condividi

bottom of page