dom 10 apr

|

Locarno

Ensemble Sous-Sol feat. Ursula Scherrer

L’Ensemble Sous-Sol approfondisce da anni l’improvvisazione per formazioni allargate. Per la prima volta si esibisce con le Live Visuals di Ursula Scherrer create nell'istante presente in dialogo con la musica. Ne risulta un'esibizione multimediale e multisensoriale.

La registrazione è stata chiusa
Scopri gli altri eventi
Ensemble Sous-Sol feat. Ursula Scherrer

Orario e luogo

2 altre date

10 apr, 17:30 – 19:00 CEST

Locarno, Piazza G. Pedrazzini 12, 6600 Locarno, Svizzera

Descrizione

L’Ensemble Sous-Sol approfondisce da anni l’improvvisazione per formazioni allargate. Per la prima volta si esibisce con i Live Visuals di Ursula Scherrer create nell’istante presente in dialogo con la musica. Ne risulta un’esibizione multimediale e multisensoriale.

Ursula Scherrer: Live Visuals

Jacek Chmiel: elettronica

Paride Guerra: batteria

Reinhard Külling: fisarmonica

Yara Mennel: violino

Enrico Teofani: trombone, voce

Anna Rigamonti: pianoforte, voce

Hanspeter Wespi: violoncello

Ueli Zysset: contrabbasso

Natalie Peters: voce

Creato a suo tempo dal trombettista Guy Bettini e ora diretto da Natalie Peters, che ne ha ereditato le redini, l’Ensemble Sous-Sol studia e approfondisce l’improvvisazione per formazioni allargate, con l'intento, senza direttore e in assenza di strutture o di percorsi concettuali predefiniti, di suonare una musica creativa, differenziata e sensibile. Ogni concerto diviene così un'esperienza unica e irripetibile, sempre molto apprezzata dal pubblico. Già a partire dal 2010 sono stati organizzati seminari ed esibizioni per l’Ensemble con musicisti di grande spessore quali Barre Phillips, Joelle Léandre, Alexander von Schlippenbach, Paul Lovens, Urs Leimgruber, Michel Doneda e Gerry Hemingway e da ultimo (2020) il trio DDK (Demierre Dörner Kocher).

Ursula Scherrer, artista svizzera che ha vissuto per oltre 30 anni a New York, ora vive a Basilea.

La qualità poetica del lavoro di Ursula Scherrer porta il pubblico nel momento presente e lo ricollega alla propria storia.

Paesaggi interni ed esterni si trasformano in ritratti astratti di forme, colori, silenzio e tempo. Il percorso di Scherrer è iniziato con la danza e la coreografia e ha portato alla fotografia, al video, al testo, ai mixed media e alla performance art. Spazio, luce e tempo si intrecciano inestricabilmente.