top of page

dom 24 mar

|

Locarno

AQUASERGE | TANTANOZI LORIOT EDEN TRIO (CH/FR/DE)

Il trio AQUASERGE esplora l'intensità del suono come gesto in un contesto puramente acustico; un gesto caratterizzato da consapevolezza dello spazio, fisicità, ascolto attivo e leggerezza totalizzante.

AQUASERGE | TANTANOZI LORIOT EDEN TRIO (CH/FR/DE)
AQUASERGE | TANTANOZI LORIOT EDEN TRIO (CH/FR/DE)

Orario e luogo

24 mar 2024, 17:30

Locarno, Piazza G. Pedrazzini 12, 6600 Locarno, Svizzera

Descrizione

Marina Tantanozi: flauto

Frantz Loriot: viola

Philipp Eden: pianoforte, sintetizzatori, batteria, oggetti vari

Fondato nel 2021, il trio AQUASERGE esplora l'intensità del suono come gesto in un contesto puramente acustico; un gesto caratterizzato da consapevolezza dello spazio, fisicità, ascolto attivo e leggerezza totalizzante. Incorporando le loro rispettive percezioni nel processo di elaborazione collaborativa, consentono alla musica di rimanere aperta, sfumando le proprie linee in una ricca opacità. La loro musica si muove, in continua evoluzione, creando forme che possono essere descritte come una rete di strati; un arcipelago che il pubblico può riorganizzare con la propria immaginazione.

Marina Tantanozi (*1985) è una musicista, flautista e improvvisatrice nata a Thessaloniki in Grecia. Vive attualmente a Basilea dopo tappe a Berlino, Maastricht e Zurigo. E’ attiva in una miriade di progetti legati alla musica improvvisata, alla musica libera, al Jazz contemporaneo e alla musica mediorientale. Al flauto combina spesso la voce e l’elettronica. I suoi processi creativi si focalizzano sulle nozioni di comunicazione e temporalità. Appassionata di lavoro interdisciplinare e collaborativo, si impegna regolarmente nella ricerca e lavora con artisti provenienti da campi come la danza, il teatro e le arti visive. Ha una collaborazione continua con i ballerini / coreografi Sonia Ntova e Manel Salas Palau. Nel 2019 ha realizzato l'installazione sonora "the third space", per Unfrozen Education o How to Relearn (Grigioni). Ha co-curato la serie di musica improvvisata KlangBang a Basilea, dal 2015 al 2019, e ha co-fondato l'organizzazione AdhocArts ad Atene nel 2021. Si esibisce regolarmente come solista, così come, oltre al trio Aquaserge, con la Insub Meta Orchestra, la Bottom Orchestra, Tangent+Mek e molti altri. Si è pure esibita con l'orchestra Joyful Noise, la Eve Risser's White Desert Orchestra, Alfred Zimmerlin, Andria Nicodemou, Julian Sartorius, Timothée Quost, Lucas Niggli, Martins Berther, Alvaro Rosso e Sebastian Strinning, per citarne alcuni. E’ stata in tournee con la Eve Rissers White Desert Orchestra, con i Joyful Noise, la Insub Meta Orchestra, la Sinfonietta Basel e i Tangent+mek, che l’ha portata ad esibirsi in tutta Europa e in Russia. 

https://www.marinatantanozi.com

Frantz Loriot, violista di origine franco-giapponese, si esibisce come solista ed è attivo in diversi ensembles internazionali, lavorando principalmente in ambito di musica improvvisata. Contribuisce spesso a progetti interdisciplinari legati alla danza, al teatro, alle immagini e alla poesia. Loriot cerca di spingere il suo strumento all’estremo. Continua ad esplorare i suoni più sottili e inaspettati. Egli ha sviluppato un linguaggio musicale unico e radicalmente personale, strutturato e teso. Rompe con la tradizione in modo sorprendente, mentre continua a sfidare qualsiasi rapporto preconcetto tra strumento e musicista. Cerca costantemente di spingere sé stesso e la sua musica verso orizzonti sempre nuovi. Loriot si esibisce regolarmente in tutto il mondo (Europa, Stati Uniti, America del sud, Giappone e Medio Oriente) ed è stato invitato a vari festival, anche come Artist in residence. Dopo aver vissuto a Parigi e New York, Frantz Loriot si è stabilito a Zurigo.

https://www.frantzloriot.com

Philipp Eden è un musicista, improvvisatore, curatore con sede a Basilea. Il suo lavoro, sia musicale che curatoriale, è motivato dall'intento di creare scambi sinergici tra individui e comunità. Un aspetto centrale nella sua pratica artistica è l'improvvisazione; come atteggiamento verso la vita in generale e la musica in particolare, coltivando la consapevolezza, la spontaneità e l'apertura e aprendo la strada alla connessione. Quando lavora con il suono, i suoi principali strumenti di espressione sono: pianoforte (preparato), sintetizzatori analogici, dispositivi di registrazione, oggetti di uso quotidiano e batteria. Il suo lavoro è plasmato dalla capacità di sintonizzarsi con le persone, dalla percezione di un determinato spazio e dalla pratica dell'ascolto. Questa pratica si estende al suo fascino per i fenomeni sonori grezzi che si trovano negli ambienti naturali e urbani. Sebbene la sua musica tragga ispirazione da una varietà di fonti, sono le frange esterne, dove le delineazioni di genere si dissolvono completamente, che lo interessano di più. Nel corso degli anni ha collaborato con artisti quali: Andria Nicodemou, Bernd Konrad, Christian Weber, Dave Gisler, David Meier, Dominique Girod, Florian Egli, Evelinn Trouble, Jonas Ruther, Klara Germanier, Lotus-Eddé Khouri, Miao Zhao, Paul Amereller, Raphael Walser, Silvan Schmid, Stefan Schönegg, Tapiwa Svosve, Tobias Meier, Tizia Zimmermann, Tobias Pfister, Vincent Glanzmann, Vojko Huter, Xaver Rüegg. Philipp è membro fondatore del collettivo zurighese Gamut. Sotto il loro ombrello, co-cura la serie di concerti STUENZI alla Rote Fabrik e lavora nella gamma di edizioni dell'etichetta del collettivo.

Condividi

Programma
bottom of page